giovedì 6 luglio 2017

Weekend Romantico - Liguria 24.25 Giugno 2017

Cercavamo un posto di mare dove trascorrere un weekend romantico per festeggiare 17 anni di matrimonio, di cui più della metà in moto. Volevamo un piccolo borgo tranquillo, che fosse al tempo stesso tipico e ricco di storia: così abbiamo trovato Tellaro, in provincia di La Spezia. Partiamo dal Valdarno con il meteo non proprio favorevole; a Lucca troviamo la pioggia che ci accompagnerà fin quasi a Sarzana. Usciti dall’autostrada, ci inerpichiamo per le tortuose stradine della costa, oltrepassando Lerici. Tellaro, piccolo e meraviglioso borgo marinaro, dalle tipiche case colorate e arroccato su una scogliera che si affaccia sul mare, si dimostra un’ottima scelta.  Ci ha abitato anche lo scrittore Mario Soldati, negli ultimi anni della sua vita. Il simbolo di questo delizioso borgo è un polpo: secondo la leggenda, durante la notte un polpo gigante salvò Tellaro dall’attacco di pirati saraceni, suonando con i suoi tentacoli le campane della chiesa e svegliando così i tellarini!
Alloggiamo all’Albergo delle Ondine. Il proprietario è gentile e simpatico, ci mostra la camera e tutto il resto. Non perdiamo tempo e ci tuffiamo in questo piccolo paese, fatto di stradine strette e case coloratissime. Per il pranzo, veloce, scegliamo “Il Forno in Piazzetta” che offre schiacciate tipiche Liguri.
Infilato il costume, ci dirigiamo all’unica spiaggia, per lo più fatta di scogli poco lontano dal centro. Il meteo migliora e ci permette di fare il bagno, unica alternativa refrigerante ora che il sole sta picchiando forte.
In serata, aperitivo al “Bar Underground” e poi cena a “La Barca Bistrot”, un bel ristorante in centro con una vista spettacolare e piatti altrettanto gustosi.
La sera nel paese c’è la festa “Tellaro Notte Romantica”: i tellarini e i turisti si riversano per le vie del centro; i locali sono pieni e ad ogni angolo di strada ci sono gruppi musicali che suonano.
La mattina, dopo una tranquilla colazione al bar dell’albergo e ricaricato il bagaglio sulla moto, partiamo per Lerici, già vista in passato, ma sempre piacevole da visitare.
Nella piazza c’è un variopinto mercatino che offre prodotti di artisti locali e non, il porto offre un bello spettacolo per lo più di natanti a vela.
Pranziamo in un locale che ci sorprende per la bontà del cibo e per com’è simpaticamente organizzato: “Siamo Fritti” offre prevalentemente, come si capisce dal nome, specialità fritte, dalle verdure all’immancabile pesce ma anche scelte non marinare. Il personale è simpatico così come il piccolo locale; noi ci sistemiamo al tavolo “giardino”, proprio davanti alla vetrata che si affaccia sulla strada.
Un’ultima passeggiata lungomare e si riparte verso casa.
Un bel weekend, un bel modo per festeggiare un traguardo non da poco.
Rientriamo a casa e con questo giro oltrepassiamo i 90mila chilometri della nostra moto.

(alla fine delle foto i link dei locali e strutture utilizzati)



 Tellaro



















 Albergo delle Ondine



La Barca Bistrot



Lerici











 Siamo Fritti



See You On The Road


Link Booking Albergo delle Ondine

Link Tripadvisor Il Forno in Piazzetta(Tellaro)

Link Tripadvisor Bar Underground (Tellaro)

Link Tripadvisor Ristorante La Barca Bistrot (Tellaro)

Link Tripadvisor Siamo Fritti (Lerici)


domenica 28 maggio 2017

Monti Simbruini - Lazio 29 aprile - 1° maggio 2017

Tre giorni intorno ai Monti Simbruini, visitando piccoli borghi e percorrendo strade affascinanti, come la SP45a che offre curve, panorami e una serie di gallerie mozzafiato.


 Subiaco, con la sua Rocca e il centro storico, è stato il nostro campo base per questa tre giorni. Ottimi i locali dove rilassarsi un po', come il Caffè Ranieri, dove abbiamo fatto un ottimo aperitivo e i ristoranti "Il Cantuccio" e "La Stoccia"; quest'ultimo originale e particolare, sia nella conformazione del locale, sia nelle portate.
Se passate da Subiaco, vi consigliamo vivamente di non mancare questo locale.

























Il Santuario del Sacro Speco di San Benedetto è un posto magnifico, merita di essere visto per la sua architettura e i suoi affreschi.
La strada per arrivare è anch'essa bella.



















Il ponte di San Francesco, uno dei tanti ponti del "diavolo" che si trovano in Italia,
questo è a Subiaco.






Cena a Subiaco, al ristorante Il Cantuccio
Specialità del posto e personale cortese.
Potete trovare le recensioni su Tripadvisor


Passato il primo giorno, siamo pronti a partire per una giornata intorno ai Monti Simbruini e i suoi borghi.
Il B&B Morra Ferogna è un ottimo posto, camere pulite e non manca di niente.
La colazione è super, con crostate e marmellate fatte in casa.
Qui potete vedere le foto e prenotare il vostro soggiorno.
Il piccolo cane del proprietario Davide è un qualcosa di spettacolare.
Chiamasi Lenticchia.


Lenticchia


SP45a, una strada perfetta da percorrere in moto.
Curve, panorami e gallerie che non ti aspetti.
Porta da Subiaco a Jenne ed è un vero spasso da farsi lentamente o volendo anche a velocità sostenuta.




Jenne, piccolo borgo incastonato tra i monti.















Proseguiamo verso Trevi Nel Lazio, sulla SP193.
Bel borgo con viuzze strette e scalinate.
Affascinante la visita guidata al Castello Coetani.




















Per la sosta pranzo, troviamo lungo la SP28 un'area pic nic attrezzata.
Non ci facciamo sfuggire l'occasione di un pranzo in mezzo alla natura.




Filettino, altro piccolo borgo lungo SP28.
Oltre la visita al borgo ci concediamo una sosta caffè al bar ristorante "la casina della neve" dove con sorpresa, oltre al caffè ci portano un kit per la pulizia delle visiere dei caschi.








Campo dell'Osso
Località sciistica un po' lasciata andare ma comunque suggestiva per gli spettacolari panorami.







Le Cascate di Trevi, si raggiungono seguendo le indicazioni bordo strada, che portano ad un facile sentiero che risale il fiume per qualche chilometro fino a ritrovarsi proprio davanti alla cascata.





La sera ritorniamo a Subiaco, a questo giro ceniamo all'originale e particolare locale
La Stoccia. Originale nella location e nelle portate.
Vivamente consigliato se siete in cerca di un locale particolare.
Il personale è divertente e il mangiare veramente buono.




Crostini di polenta con asparagi, cannelloni crema di pistacchio e bufala, crostini di ceci e un ottimo tiramisù, il tutto accompagnato da una buona birra.



Cervara di Roma, un posto veramente particolare, con la sua lunga scalinata, le sculture sulla parete rocciosa e un borgo veramente bello.
Da qui c'è passato anche il mitico Ennio Morricone, visto che non lontano sono stati girati molti spaghetti western.









































Gli Spaghetti Western, erano girati qui.




Ad Arsoli si conclude il nostro giro. Volevamo andare anche a Camerata Vecchia ma abbiamo desistito in quanto la strada forse la si poteva percorrere con un paio di Ktm ma non di certo con le nostre Harley.


Rientrati a casa il contachilometri segna quasi 800km percorsi in posti veramente spettacolari.
Come sempre l'Italia riserva angoli meravigliosi a chi sa cercarli.


See you on the road